Lingue disponibili, Available languages it

28 Settembre – Sala Solesin

Batterie: second life, riuso e riciclo.

Progetto Car-E Service: nuovi modelli di business in Europa per favorire lo sviluppo della mobilità elettrica e la corretta gestione del fine vita dei veicoli attraverso la prospettiva dell’economia circolare.

16.30 – 18.00 (70 minuti + 20 minuti di dibattito)

Car-E Service è un progetto finanziato dal Programma Horizon 2020, coordinato dal STIIMA-CNR di Milano. Il progetto, al quale collaborano 15 partner europei (per l’Italia sono presenti, oltre al CNR, FCA, COBAT, Radici Group ed e-vai), ha come obiettivo lo sviluppo di nuovi modelli di business che da un lato promuovano l’utilizzo e la diffusione del veicolo elettrico (in primis attraverso il car sharing), dall’altro un approccio alla gestione del loro fine vita che massimizzi il riuso ed il riutilizzo di materiali e componenti, con particolare riferimento alle parti metalliche, ai materiali plastici ed alle batterie. Il progetto, ufficialmente presentato agli inizi di settembre 2017, ha iniziato i suoi lavori a giugno 2018 ed avrà una durata di tre anni.

Moderatore: Luigi De Rocchi (COBAT)

Relatori:

  1. Marcello Colledani: Politecnico di Milano
  2. Giacomo Copani: ricercatore presso STIIMA-CNR
  3. Ing. Augusto de Castro: e-vai 
  4. Riccardo Galeazzi: Radici Group
  5. Ing. Luca Balbo di EEI e Mr Mark Edmunds di Toshiba – “La visione di Toshiba per il trasporto pubblico”.  In e_mob sarà presente Toshiba, divisione del trasporto pubblico,  in collaborazione con l’azienda italiana EEI attiva nell’Elettronica Industriale e nella conversione di potenza. Durante la manifestazione verrà presentato un sistema di accumulo rapido con le relative batterie che, da alcuni anni, è attivo in Giappone, Australia e a breve a Dubai con un approccio alternativo al classico bus elettrico. Il sistema fornisce infatti veicoli dotati di tecnologia di accumulo SCiB ( LTO litio titanato) che consente una ricarica più rapida e una durata delle batterie maggiori rispetto agli standard delle batterie a litio tradizionale (15.000 cicli). Questo sistema di accumulatori può essere caricato all’ 80% in 20 minuti, riducendo notevolmente da un lato il peso ed il volume all’interno dell’autobus, grazie alla elevata capacità di carica e scarica e e dall’altro migliorando l’ efficienza del sistema di trasporto.
Share This